Il Ponte Betenda

La forra della Betenda, scavata dalle acque del Buthier, profonda 54m, racchiude leggende antiche e un ponte del 1688. La vista incanta e smarrisce.

Descrizione

La potenza dell’azione erosiva delle acque del Buthier si evidenzia nella profonda forra della Betenda, ubicata 200 m. al disotto della Tornalla. Le acque di fusione dl ghiacciaio delle Grandes Murailles, con il sostanzioso apporto di numerosi altri torrenti glaciali minori, hanno scavato nello gneiss una stretta gola profonda 54 m.

Da tempo immemorabile il fenomeno naturale ha preso il nome di Betenda, italianizzazione forse di Bétein, in omaggio all’ardito corteggiatore della castellana di Oyace. La leggenda vuole anche che il Bétein abbia spiccato il salto da una sponda all’altra per sfuggire alla cattura. Il ponte che attualmente unisce le due sponde del Buthier è in muratura e fu costruito nel 1688.

Quando ci si appoggia al parapetto del ponte, un senso di smarrimento assale il visitatore: la stretta voragine pare portare direttamente nelle viscere della terra.

Modalità di Accesso

Per avere informazioni dettagliate e aggiornate, suggeriamo di contattare direttamente l'ente o l'organizzazione che gestisce l'ufficio turistico locale.

Contatti

Comune di Oyace
Telefono

0165730013

Email

info@comune.oyace.ao.it

PEC

protocollo@pec.comune.oyace.ao.it

Luogo

Il Ponte Betenda, 11010, Oyace (AO)

Quanto sono chiare le informazioni su questa pagina?

Grazie, il tuo parere ci aiuterà a migliorare il servizio!

Quali sono stati gli aspetti che hai preferito?1/2

Dove hai incontrato le maggiori difficoltà?1/2

Vuoi aggiungere altri dettagli?2/2

Inserire massimo 200 caratteri